le schede del fotoclub
© Fotoclub il SESTANTE - Gallarate (VA)
Home Avanti Indietro Contatti Chi siamo La Sede sociale

Achille Colombo

5/11/1936  -  30/4/2017

Achille Colombo, per circa mezzo secolo, è stato socio del Fotoclub il Sestante di Gallarate, ricoprendo tutti gli incarichi, inclusa quella di Vice Presidente ed anche quella di Presidente nel biennio 1981-1982. In particolare, per molti anni, è stato l'attivo Segretario factotum del sodalizio fotografico

Mostra di Gianni Berengo Gardin al Sestante (2007)

Nell'immagine a fianco, ripresa durante l'evento Filosofarti 2007, Achille Colombo tra il Presidente Luigi Rossi e Gianni Berengo Gardin. E' proprio Achille Colombo che avvia rapporti di collaborazione con Filosofarti e con gli organizzatori di Duemila Libri per ampliare l'offerta culturale di questi importanti Manifestazioni anche al campo fotografico, rapporti che durano ancora oggi saldamente Qualche cifra… Nel 1971 avvia e collabora alla realizzazione del primo foto libro del Sestante "Gallarate in BN " Nel 1978 cura la riproduzione fotografica del materiale impiegato per il volume edito dal Sestante "GALLARATE IERI", che costituisce ancora oggi un autentico punto di riferimento nella ricerca iconografica sulla città dagli inizi del '900 a metà del secolo scorso.Nel 1982 segue e collabora alla realizzazione del libro ARTI e MESTIERI Nel 2009 con il socio Pinciroli realizza nell'ambito della Edizione di Filosofarti di quell'anno, dedicata alla Polis, il libretto fotografico "Di memoria e di materia" che mette a raffronto immagini d'epoca con le corrispondenti riprese attuali, fornendo un contributo significativo alla documentazione iconografica cittadina. Nel 2014,  affronta l'impegnativo percorso che porterà sette soci del Sestante (Salvatore Benvenga,Achille Colombo, Chiara Ciccocioppo, Simone Cecere, Ida D’Angelo,Francesco Di Liberti, Luca Negrettia ) a realizzare per il centenario della Federazione degli Industriali del Gallaratese il prestigioso volume "Gallarate Industria e Lavoro". Un'opera di attenta e preziosa documentazione iconografica destinata a restare nel patrimonio storico della nostra città. L’ultima mostra La partecipazione alla mostra sociale del novembre 2016 è l’ultimo suo contributo fotografico con un trittico di foto collage con cui raffigura la celebre canzone «Il ragazzo della via Gluck» attraverso immagini di un tempo andato, di una città che non c’è più, totalmente trasformata nei suoi connotati urbani ed esistenziali.

L’omaggio postumo del suo quartiere

Nel 2017 (11 giugno) il rione di Cedrate inaugura una mostra all’aperto con le foto di Achille Colombo, dal titolo evocativo «Cedrate:Ieri e Oggi». La moglie di Achille Colombo, signora Ines, è presente con l’Assessore del Comune di Gallarate Claudia Maria Mazzetti e il Presidente della Proloco di Gallarate dr Pizzolato. Anche Il Sestante è presente con il Presidente Salvatore Benvenga e il Presidente Onorario Luigi Rossi.  Nella foto ricordo a fianco sono ripresi insieme al VicePresidente Robert K. Rehmann e la socia Simonetta Venturini. Molti i visitatori della mostra allestita nella piazzetta Paolo VI di Cedrate a cura del Comitato rionale e dei suoi soci, tra cui va ricordato Giuseppe Gnocchi per il notevole impegno profuso.

Il riconoscimento cittadino alla Memoria

Nel 2018 (13 gennaio) il comune di Gallarate, accolta la segnalazione avanzata dal Presidente del Sestante, conferisce ad Achille Colombo la Pergamena alla memoria, nella Giornata Cittadina della Riconoscenza La moglie di Achille Colombo, signora Ines, è presente con li figli per ricevere dalle mani del Sindaco Andrea Casssani questa preziosa pergamena che certifica la gratitudine della città all’opera svolta da Achille Colombo per la cultura cittadina in più di cinquanta anni di attività con il Sestante. Purtroppo, pochi mesi dopo ( aprile 2018) anche la signora Ines viene a mancare. Questa pagina dedicata ad un grandissimo amico del Sestante non può che chiudersi con uno stralcio ripreso dall’elogio funebre letto in Chiesa durante i funerali di Achille Colombo e che riassume la sincera stima e la grandissima considerazione in cui era tenuto:  « In questo percorso terreno, in cui la storia di ciascuno si incrocia con quella di altri, poche cose contano davvero, ma la più grande di tutte può dirsi quella di costituire un punto di riferimento positivo, con la capacità di voler bene e farsi voler bene, spendendo le proprie energie senza pensare a se stessi ma solo al bene comune . E Achille, per come lo abbiamo conosciuto, ha incarnato queste rare doti. E' stato davvero un privilegio avergli camminato a fianco.»
Achille Colombo è sempre in prima fila nell'organizzare eventi fotografici di primissimo piano, andando - come si suol dire - oltre le mura, per portare a Gallarate grandi nomi della fotografia italiana ed internazionale, quali ( per citare alcuni nomi) Gianni Berengo Gardin, Giovanni Gastel, Erminio Annunzi, Sergio Magni, Lanfranco Colombo e così via. Nel 1971 si impegna a istituire e valorizzare uno degli appuntamenti fotografici più  apprezzati dai cittadini gallaratesi, con la mostra "Portici Vecchi"che proseguirà per circa trentacinque anni consecutivi sotto i portici vecchi di Piazza Libertà, fino alla loro ristrutturazione. Una mostra "open space" che i gallaratesi possono vivere oltre che visitare.   Nel 1983 promuove e collabora col Fotoclub alla realizzazione di una manifestazione che resterà unica nel panorama degli eventi cittadini: la Mostra mercato delle fotocamere di antiquariato a Palazzo Broletto", chiamata brevemente "Anti-Camera" e che per cinque anni vedrà Gallarate diventare un polo di attrazione per appassionati di macchine fotografiche ed obiettivi "vintage"provenienti da ogni parte d'Italia. Nel 1987 si impegna nella realizzazione di una documentazione fotografica sul Liberty a Gallarate e sul restauro dell'organo della Basilica. Nel 1996 Gallarate ospita il Kodak European Gold Award e Achille Colombo è in prima fila nell'organizzazione dell'evento.
le schede del fotoclub
© fotoclub il sestante

Achille Colombo

5/11/1936  -  30/4/2017

Achille Colombo, per circa mezzo secolo, è stato socio del Fotoclub il Sestante di Gallarate, ricoprendo tutti gli incarichi, inclusa quella di Vice Presidente ed anche quella di Presidente nel biennio 1981-1982. In particolare, per molti anni, è stato l'attivo Segretario factotum del sodalizio fotografico

Mostra di Gianni Berengo Gardin al

Sestante (2007)

Nell'immagine a fianco, ripresa durante l'evento Filosofarti 2007, Achille Colombo tra il Presidente Luigi Rossi e Gianni Berengo Gardin. E' proprio Achille Colombo che avvia rapporti di collaborazione con Filosofarti e con gli organizzatori di Duemila Libri per ampliare l'offerta culturale di questi importanti Manifestazioni anche al campo fotografico, rapporti che durano ancora oggi saldamente Qualche cifra… Nel 1971 avvia e collabora alla realizzazione del primo foto libro del Sestante "Gallarate in BN " Nel 1978 cura la riproduzione fotografica del materiale impiegato per il volume edito dal Sestante "GALLARATE IERI", che costituisce ancora oggi un autentico punto di riferimento nella ricerca iconografica sulla città dagli inizi del '900 a metà del secolo scorso.Nel 1982 segue e collabora alla realizzazione del libro ARTI e MESTIERI Nel 2009 con il socio Pinciroli realizza nell'ambito della Edizione di Filosofarti di quell'anno, dedicata alla Polis, il libretto fotografico "Di memoria e di materia" che mette a raffronto immagini d'epoca con le corrispondenti riprese attuali, fornendo un contributo significativo alla documentazione iconografica cittadina. Nel 2014,  affronta l'impegnativo percorso che porterà sette soci del Sestante (Salvatore Benvenga,Achille Colombo, Chiara Ciccocioppo, Simone Cecere, Ida D’Angelo,Francesco Di Liberti, Luca Negrettia ) a realizzare per il centenario della Federazione degli Industriali del Gallaratese il prestigioso volume "Gallarate Industria e Lavoro". Un'opera di attenta e preziosa documentazione iconografica destinata a restare nel patrimonio storico della nostra città. L’ultima mostra La partecipazione alla mostra sociale del novembre 2016 è l’ultimo suo contributo fotografico con un trittico di foto collage con cui raffigura la celebre canzone «Il ragazzo della via Gluck» attraverso immagini di un tempo andato, di una città che non c’è più, totalmente trasformata nei suoi connotati urbani ed esistenziali.

L’omaggio postumo del suo quartiere

Nel 2017 (11 giugno) il rione di Cedrate inaugura una mostra all’aperto con le foto di Achille Colombo, dal titolo evocativo «Cedrate:Ieri e Oggi». La moglie di Achille Colombo, signora Ines, è presente con l’Assessore del Comune di Gallarate Claudia Maria Mazzetti e il Presidente della Proloco di Gallarate dr Pizzolato. Anche Il Sestante è presente con il Presidente Salvatore Benvenga e il Presidente Onorario Luigi Rossi.  Nella foto ricordo a fianco sono ripresi insieme al VicePresidente Robert K. Rehmann e la socia Simonetta Venturini. Molti i visitatori della mostra allestita nella piazzetta Paolo VI di Cedrate a cura del Comitato rionale e dei suoi soci, tra cui va ricordato Giuseppe Gnocchi per il notevole impegno profuso.

Il

riconoscimento cittadino alla Memoria

Nel 2018 (13 gennaio) il comune di Gallarate, accolta la segnalazione avanzata dal Presidente del Sestante, conferisce ad Achille Colombo la Pergamena alla memoria, nella Giornata Cittadina della Riconoscenza La moglie di Achille Colombo, signora Ines, è presente con li figli per ricevere dalle mani del Sindaco Andrea Casssani questa preziosa pergamena che certifica la gratitudine della città all’opera svolta da Achille Colombo per la cultura cittadina in più di cinquanta anni di attività con il Sestante. Purtroppo, pochi mesi dopo ( aprile 2018) anche la signora Ines viene a mancare. Questa pagina dedicata ad un grandissimo amico del Sestante non può che chiudersi con uno stralcio ripreso dall’elogio funebre letto in Chiesa durante i funerali di Achille Colombo e che riassume la sincera stima e la grandissima considerazione in cui era tenuto:  « In questo percorso terreno, in cui la storia di ciascuno si incrocia con quella di altri, poche cose contano davvero, ma la più grande di tutte può dirsi quella di costituire un punto di riferimento positivo, con la capacità di voler bene e farsi voler bene, spendendo le proprie energie senza pensare a se stessi ma solo al bene comune . E Achille, per come lo abbiamo conosciuto, ha incarnato queste rare doti. E' stato davvero un privilegio avergli camminato a fianco.»